Mosca dell’olivo
5 (100%) 1 vote

Mosca dell’olivo

Puntura sul frutto
Puntura sul frutto

Il nemico numero 1 per le piante di olivo si chiama Bactrocera Oleae meglio conosciuta come “mosca dell’olivo – mosca olearia”.

Un insetto della famiglia delle dacinae, la sua larva è una minatrice del frutto dell’olivo.

L’attacco della mosca olearia è considerato il più grave tra tutti i nemici di queste piante.

Di anno in anno gli attacchi possono variare a seconda di diversi fattori

Temperatura 

Clima umido

Tipologia di piante

Annata di carica o scarica

Temperature elevate fanno si che la mosca non deponga le uova.

In genere gli attacchi più significativi avvengono nell’annata di scarica; possiamo dire che l’olivo ha una produzione maggiore (carica) e nell’anno successivo una minore (scarica).

Le olive che vengono colpite subiscono un danno sia sulla quantità che sulla qualità del prodotto finale.

I frutti colpiti infatti avranno una resa minore durante la spremitura e acquisteranno un acidità particolarmente marcata che conferirà all’olio un gusto meno buono, quindi un deprezzamento del prodotto. Per le olive da mensa lo scarto sarà maggiore e anche in questo caso le olive colpite verranno deprezzate.

I DIVERSI STADI

UOVO 

LARVA  

PUPA

ADULTO

Adulto - femmina
Adulto – femmina

Le femmine, in estate avanzata, pungendo l’oliva depongono un uovo non appena il frutto raggiunge una dimensione minima di diametro di 8 mm.

A seconda delle condizioni climatiche l’uovo si schiude dopo 2/3 giorni in estate, mentre in autunno impiega circa 7 giorni.

La larva, inizialmente in superficie, scava una galleria fino ad arrivare al nocciolo.

Una volta che la larva raggiunge la maturità si impupa dentro il frutto o nel terreno, dopo una settimana circa sfarfalla l’adulto.

Gli attacchi più compromettenti avvengono proprio quando le temperature si abbassano, all’inizio dell’autunno.

LOTTA CHIMICA E BIOLOGICA

La lotta chimica può essere effettuata in modo curativo contro le larve o preventivo contro gli adulti.

Decis protect insetticida contro mosca dell’olivo  

 

Il trattamento larvicida si effettua secondo i criteri della lotta a calendario, della lotta guidata e della lotta integrata.

Lotta a calendario, generalmente preventiva si effettua dalla piena estate. Il trattamento viene ripetuto in media ogni 20 giorni o in base ai tempi di carenza del prodotto chimico utilizzato. L’aspetto negativo dei trattamenti a calendario è il rischio di effettuare trattamenti inutili.

Il rilevamento degli adulti può essere effettuato con trappole cromotropiche, alimentari e sessuali.

Solabiol cattura insetti mosca dell’ olivo

La lotta biologica risulta molto più onerosa.

Recentemente sono state effettuate prove di controllo biologico con il Bacillus thuringiensis, che ha mostrato però una scarsa efficacia sopratutto per la difficoltà di raggiungere la larva in profondità.